I 3 principali indicatori macroeconomici sull’occupazione

L’occupazione è uno dei cardini economici per un paese. L’occupazione nobilita l’uomo, quindi crea vantaggi sociali. E l’occupazione rende più ricche tutte le persone di un’economia.

Ma quali sono gli indicatori da monitorare per capire come sta andando l’occupazione di un paese in determinato momento storico?

Vediamo i 3 indicatori macroeconomici più importanti con riferimento all’occupazione.

1) Tasso di disoccupazione

E’ la percentuale di disoccupati di un paese in un certo periodo storico. Il tasso si riferisce alle persone che sono in cerca di un lavoro ma che non riescono a trovarlo.

Sono dunque esclusi coloro che pur non essendo occupati, non cercano un’occupazione. Gli studenti sono naturalmente esclusi.

2) Nonfarm payrolls

Questo dato macroeconomico si riferisco ai nuovi posti di lavoro creati in un certo periodo. Si escludono però i lavoratori agricoli e di governo.

3) Salario orario medio

Questo indicatore segnala il salario medio delle persone occupate. Un aumento del salario medio indica che l’inflazione potrebbe a breve crescere.

Gli indicatori sull’occupazione sono tra i più importanti da seguire quando si fa trading online. Infatti, per esempio l’USD ma anche gli indici di mercato USA sono molto sensibili all’uscita dei dati sul lavoro, in particolare ai nonfarms payrolls.

Occhio dunque a non farsi mai trovare impreparati.